domenica, Dicembre 4, 2022
HomeMercatoPrestito Ponte 2022: cos'è, requisiti, interessi

Prestito Ponte 2022: cos’è, requisiti, interessi

Il Prestito Ponte è un’opzione che permette di ottenere sconti o rimborsi su un determinato tipo di lavoro edile effettuato all’interno della propria casa. Esso può essere definito anche Prestito Ponte Superbonus ed è stato emanato nel 2020 con la legge legata al finanziamento 110%. In questo articolo capiremo cosa sia effettivamente il prestito ponte, come può essere richiesto e le opinioni a riguardo.

Cosa è il prestito ponte?

Il Prestito Ponte è un vero e proprio finanziamento offerto dalla Banca al privato e a tutte le Imprese che sono disponibili nell’effettuare uno sconto in fattura. Questo finanziamento è legato alla valutazione interna della Banca emanata per far fronte alle difficoltà economiche del 2020 causate dalla pandemia. Perché esso venga ritenuto valido è necessario che l’impresa venga riconosciuta dalla banca e abbia al suo interno un proprio rating. I crediti donati vanno da un minimo di 30% a un massimo del 100%. Questa è però un’opzione a breve termine, ha infatti una durata massima di 18 mesi e per questo viene rilasciata secondo un anticipo su contratto. Lo scambio avviene direttamente tra la Banca e l’Impresa, accreditando tutta la cifra concordata. Entreranno poi in gioco gli interessi, che verranno calcolati facendo riferimento al periodo in cui il finanziamento era in atto. In caso l’Impresa non venga riconosciuta dalla Banca e non possieda all’interno un proprio rating è molto difficile che questo prestito possa avvenire e in questa situazione è preferibile che venga effettuata almeno una pratica legata alla Cessione del Credito. E’ necessario inoltre che l’Impresa a cui viene affidato il lavoro sia concorde a questo tipo di pagamento.

Come posso richiedere il Prestito Ponte?

Il Prestito Ponte è dedicato a tutti i lavoratori in servizio che non possono accedere all’TFS o ai pensionati che attendono il TFS. Questi Finanziamenti Ponte permettono di far fronte a dei lavori non rimandabili che comportano l’utilizzo di ingenti somme di denaro. Non è necessario esplicitare il motivo della richiesta, ma deve essere legato a movimenti come: acquisto di auto nuove o usate, saldo di una caparra, acquisto o ristrutturazione di immobili, sostenimento di un acconto, spese familiari, chiusura di debiti, supporto sulle spese mediche o su imprevisti ed emergenze. E’ frequentemente utilizzato per far fronte ad un prestito ponte acquisto casa o per un prestito temporaneo, in questi casi prende il nome di mutuo ponte o finanziamento ponte SuperBonus.

Quando richiedere il finanziamento Ponte

Il Prestito può essere richiesto in ogni momento, ma perché venga ritenuto valido deve essere anticipato dal Certificato di Quantificazione del TFS e del atto dell’INPS.  In genere tutte le pratiche legali vengono svolte nel giro di qualche giorno e a seguire verrà allestito il cantiere. Il finanziamento ponte viene rilasciato per cifre che vanno dai 10 mila  ai 30 mila euro, ma in caso di un possedimento elevato di TFS può arrivare a 45 mila euro. Per richiedere il Prestito Ponte è necessario effettuare una domanda all’interno del sito ufficiale o nella sede fisica, con allegato i seguenti dati: il documento di riconoscimento, l’ultima busta paga, la tessera sanitaria, il modello OBISM, la Certificazione Unica e il valore dell’estratto conto.

 

RELATED ARTICLES
- Advertisment -

Most Popular

Recent Comments