giovedì, Ottobre 6, 2022
HomeMercatoPrestiti per neoassunti: requisiti, come ottenerli, chi li concede

Prestiti per neoassunti: requisiti, come ottenerli, chi li concede

Anche coloro che sono stati assunti di recente possono accedere a prestiti? Ecco quali sono i tipi di prestiti per neoassunti che permettono di richiedere liquidità anche a chi ha firmato un contratto di lavoro da poco tempo. Gli stessi prestiti vengono concessi anche a chi ha da poco firmato un contratto a tempo indeterminato. Vediamo quali sono i requisiti che vengono richiesti a queste categorie.

Prestiti neoassunti cosa sono?

Di solito, per richiedere dei prestiti o finanziamenti bisogna disporre di alcune garanzie e requisiti stabiliti dalla banca. Anche per i prestiti a neoassunti a tempo indeterminato la situazione è la stessa. È necessario, per accedere a questi servizi, avere delle solide garanzie. L’assenza di garanzia e la firma apposta ad un contratto di lavoro in tempi recenti riducono le possibilità di accedere alla maggior parte dei finanziamenti che vengono proposti sul mercato.

Ogni banca e finanziaria prevede un regolamento ben preciso per poter permettere anche a neoassunti di accedere a prestiti. Ciò che bisogna dimostrare è l’affidabilità, la solidità creditizia oppure dimostrare di aver firmato un contratto a tempo indeterminato anche se da poco tempo.

L’ente può decidere o meno, sulla base di questo requisiti, di concedere un prestito a neoassunti anche senza garanzie. Nella maggior parte dei casi il tipo di finanziamento che viene concesso senza garanzie e con un contratto di lavoro firmato recentemente è la cessione del quinto per neoassunti.

Si tratta di un prestito personale con il quale le rate del rimborso vengono direttamente accreditate sullo stipendio del richiedente. Quindi, la banca non dovrà attendere il pagamento del rimborso da parte del debitore, ma potrà detrarre l’importo dovuto direttamente dalla busta paga.

Questa tipologia di prestito per neoassunti è quella che viene accettata il più delle volte da banche e finanziarie senza richiedere ulteriori garanzie se non un contratto di lavoro a tempo indeterminato.

Come ricevere un finanziamento neoassunti

Spesso accade, che una persona che è stata assunta da poco, richieda un prestito personale per neoassunti durante il periodo di prova. Questo periodo può durare da due a sei mesi a seconda del tipo di lavoro e del contratto sottoscritto. È molto probabile che durante questo periodo la maggior parte delle banche non accettino il prestito.

Non tutte le banche e le finanziarie si comportano allo stesso modo, ognuna agisce secondo il proprio regolamento. In linea di massima se si dimostra la propria affidabilità e lo storico creditizio non è detto che la banca rifiuti il prestito. Però nella maggior parte dei casi bisogna aspettare la fine del periodo di prova anche se il contratto è a tempo indeterminato.

Tra i requisiti che la banca richiedere per erogare finanziamenti a neoassunti quindi c’è la necessità di aver superato il periodo di prova, di richiedere un prestito il cui rimborso non superi sessanta mesi e di chiedere una somma tra 10 mila e 12 mila euro al massimo. Inoltre, un’altra condizione è quella di essere stati assunti da un ente Statale.

In questo caso è più probabile che l’ente potrà chiudere un occhio circa la condizione di neoassunto.

RELATED ARTICLES
- Advertisment -

Most Popular

Recent Comments