domenica, Settembre 25, 2022
HomeEconomiaPrestiti pensionati Inps, si possono ottenere fino a 90 anni? Quali sono...

Prestiti pensionati Inps, si possono ottenere fino a 90 anni? Quali sono i tassi di interesse? Tutte le info

I prestiti Inps per i pensionati sono regolati in base alle disposizioni che riguardano anche la cessione del quinto. Di conseguenza, conviene conoscere i dettagli della procedura prima di richiedere il prestito pensionistico.

Il prestito Inps

Molti si domandano quale sia il legame tra i prestiti per pensionati e la cosiddetta cessione del quinto Inps. La risposta, in realtà, non è difficile, perché, nel secondo caso, il pensionato chiede e ottiene un prestito, rivolgendosi alla banca o all’operatore finanziario di fiducia. Una volta ottenuto il finanziamento, il richiedente deve rimborsarlo attraverso un addebito mensile, prelevato direttamente dalla sua pensione. Questa quota automatica di prelievo sul prestito non può essere superiore a un quinto della pensione ricevuta ogni mese. Nasce quindi da qui l’espressione “cessione del quinto”. Ricordiamo però che i titolari di pensioni sociali e invalidità civile, assegni di accompagnamento per invalidità, o in favore di nuclei familiari disagiati, non possono richiedere i prestiti per pensionati. Inoltre, non è previsto alcun finanziamento per chi riceve forme di assistenza al reddito o integrazioni al minimo.

Cessione del quinto

Il pensionato deve fare richiesta per la cessione quinto Inps e l’istituto di previdenza consegna il documento alle banche o società finanziarie che erogano la somma concordata  da restituire entro 10 anni. E’ obbligatoria l’assicurazione, in caso di scomparsa prematura del richiedente, per garantire il saldo del debito residuo. I prestiti Inps prevedono rate variabili, secondo l’importo della pensione. Inoltre, l’interesse da applicare non può mai superare il livello previsto dalla legge anti usura e si basa sulla fascia d’età e tipo di prestito. Nel corso del secondo trimestre 2021, l’osservatorio PrestitiOnline.it ha valutato un tasso medio pari al 3,61%. Riguardo le pratiche Inpdap pensionati, ricordiamo che si tratta di prestiti Inps ex Inpdap, quindi i richiedenti possono presentare la domanda anche via telematica al sito Inps, sezione modulistica, o chiedere informazioni agli uffici. Anche in questo caso, si rimborsa la quota nel limite stabilito dalla cessione del quinto, se si privilegia questa formula di prestito.

Ulteriori informazioni sul prestito pensionati

La durata dei prestiti a pensionati varia da 24 a 120 mesi e si può ottenere entro gli 85 anni. Molti ricorrono alla cessione del quinto rivolgendosi a banche e operatori finanziari che sono in convenzione con le sedi Inps, per usufruire delle tutele di legge e di tassi d’interesse agevolati. Inoltre, è sempre consigliabile rivolgersi a istituti seri e accreditati che possono offrire più di un preventivo senza far pagare spese di consulenza o creando vincoli di altro tipo. In questo modo, si è liberi di decidere se accettare o meno le condizioni proposte dopo averle confrontate con quelle di altri istituti di credito. In sostanza, bisogna decidere se la cessione del quinto è la forma di prestito più adatta al proprio caso. L’importo dei finanziamenti dipende infatti dal valore della propria pensione, quindi è consigliabile valutare con attenzione la propria situazione economica prima di sottoscrivere il contratto. In effetti, non basta stabilire la cifra da richiedere, ma occorre stabilire in modo preciso i tempi e le possibilità di ammortamento nel corso degli anni.

RELATED ARTICLES
- Advertisment -

Most Popular

Recent Comments