martedì, Maggio 24, 2022
HomeEconomiaFonti di finanziamento, cosa sono? Schema, interne, delle imprese, tradizionali

Fonti di finanziamento, cosa sono? Schema, interne, delle imprese, tradizionali

Un’attività imprenditoriale richiede finanziamenti specifici. Può essere finanziata tramite proprie disponibilità o per meglio dire tramite il capitale investito dai soci, o tramite terzi, grazie ad oculati investimenti richiesti agli istituti di credito o alle istituzioni pubbliche o private. Queste sono le principali fonti di finanziamento a cui ricorrere, ma quali sono i tipi di finanziamento?

Capire cosa sono i finanziamenti è fondamentale per il fabbisogno finanziario di un’impresa e destreggiarsi tra termini come “debiti di regolamento”, “finanziamento definizione”, “capitale di prestito”, “crediti di funzionamento e finanziamento”, “società di finanziamento”, “autofinanziamento aziendale” non è facile. Cerchiamo di approfondire meglio!

Le fonti di finanziamento: caratteristiche

Il finanziamento dei soci è una delle opzioni più utilizzate dalle società, soprattutto se si tratta di società e imprese di piccole dimensioni. La scelta delle forme di finanziamento deve essere determinata sulla base dell’analisi del fabbisogno di liquidità e sulla conoscenza effettiva del mercato su cui si andrà ad operare. Nello specifico caso delle realtà aziendali si possono individuare quattro categorie di fabbisogno del capitale di finanziamento e queste corrispondo proprio a quattro tipologie di finanziamento.

Nello specifico si tratta di:

  • fabbisogno strutturale: costante nel tempo perché dipende dalla dimensione di un’impresa;
  • fabbisogno corrente: costante nel tempo ma correlato al volume dell’attività di gestione;
  • fabbisogno straordinario: serve per affrontare la necessità di capitale in base al momento specifico;
  • fabbisogno occasionale: è quello che si richiede in occasione di accadimenti imprevedibili.

Finanziamenti aziendali: capitale di debito, capitale di credito e capitale di terzi

Per chiarire ancora meglio quanto detto finora bisogna precisare che le fonti di finanziamento che portano alle operazioni di finanziamento possono essere:

  • interne: comprensive del capitale proprio e anche del capitale di rischio. Tra queste rientra anche l’utile ottenuto dalla gestione aziendale;
  • esterne: comprensive del capitale di terzi e provenienti da finanziatori esterni come ad esempio le banche.

Il capitale proprio o capitale di rischio è così chiamato perché in caso di fallimento dell’impresa l’imprenditore perderà il capitale investito. Non ha una scadenza in quanto è vincolato all’impresa per tutta la sua durata. Il capitale di terzi, invece, ha una scadenza ben precisa e una remunerazione fissata fin dal principio, motivo per cui l’impresa è obbligata a pagare gli interessi indipendentemente dagli utili o dalle perdite subite.

Non tutti i finanziamenti posso essere rimborsati e bisogna fare attenzione non confondere tra prestiti e versamenti. I primi ad alcune condizioni danno diritto a un rimborso, i secondi permettono al socio che li ha effettuati a partecipare alla ripartizione dell’attivo una volta sciolta la società e soddisfatti i creditori sociali.

Capitale di terzi: tra debiti di finanziamento e funzionamento

Il capitale di terzi può essere suddiviso i debiti di finanziamento e funzionamento. I primi sono sono i debiti costituiti dai prestiti a medio o a lungo termine e dai debiti verso le banche, mentre i secondi sono debiti verso i fornitori o altri soggetti ma a breve termine.

Nello specifico i finanziamenti esterni possono essere divisi in:

  • debiti breve termine: per periodi inferiori a un anno;
  • debiti a medio termine: per periodi compresi tra uno e cinque anni;
  • debiti a lungo termine: per periodi superiori a cinque anni.

 

 

RELATED ARTICLES

Most Popular

Recent Comments