giovedì, Maggio 19, 2022
HomeMercatoFinanziamenti europei con fondo sociale: cosa sono, come ottenerli, a chi spettano

Finanziamenti europei con fondo sociale: cosa sono, come ottenerli, a chi spettano

I fondi europei per accedere ai finanziamenti europei sono un punto di riferimento per tutti coloro che vogliono sviluppare un progetto sociale che rientra nel terzo settore.

Nel corso degli anni l’Unione Europea ha sempre istituito bandi europei per accedere a finanziamenti fondo perduto.

A chi sono rivolti? In generale ad associazioni no-profit, a disoccupati ed a giovani imprenditori per favorire lo sviluppo economico e progetti sociali destinati al terzo settore.

I fondi strutturali Unione Europea si occupano di creare degli appositi programmi di finanziamento ai quali possono accedere soggetti dotati di determinati requisiti. Vediamo nel dettaglio quali sono questi contributi europei ed i progetti stanziati dall’Ue.

Fondi europei per giovani per istruzione e formazione professionale

Il fondo sociale per la formazione professionale dei giovani sono stanziati a tutte le imprese che vogliono investire sull’istruzione e formazione dei propri impiegati. Si tratta, in questo caso, di aiuti di stato concessi alle imprese appartenenti all’Unione Europea per ricevere agevolazioni di piccola entità.

Questi fondi infatti prevedono un tetto massimo di 200 mila euro finanziabili in tre anni per ogni impresa che possegga i requisiti richiesti dal bando.

Le imprese che possono accedervi devono operare in qualsiasi tipo di settore tranne le imprese che operano nel trasporto di merci e produzione agricola, pesca e industria carboniera.

Per accedere bisogna presentare una proposta del progetto che si intende attuare con l’ausilio dei fondi comunitari. La richiesta dev’essere formalmente inviata con le modalità definite ed entro un termine stabilito dai bandi Unione Europea.

Ogni progetto presentato dev’essere no-profit e non retroattivo rispetto alla data della sua presentazione.

Tutti i finanziamenti europei a fondo perduto

I fondi europei per nuove imprese e le agevolazioni a fondo perduto quest’ultimo anno di pandemia si sono moltiplicati. Si è reso necessario un sostegno allo sviluppo economico non solo del nostro Paese ma dell’intera Europa.

Ragion per cui, l’Unione Europea ha aumentato i fondi stanziati a ciascuno dei Paesi Membri attraverso il piano Recovery Fund.

Tutte le risorse sono state divise in diversi bandi e progetti a livello Nazionale e regionale.

Tra questi bandi ce ne sono alcuni che vale la pena di menzionare.

  • Bandi Simest: si tratta di un finanziamento a tasso agevolato con un 25% di fondo perduto per consentire alle imprese su territorio nazionale di accedere e partecipare a fiere internazionali e sviluppare le proprie strutture digitali.
  • Bandi Invitalia: fondi europei a fondo perduto stanziati per giovani imprese e per l’innovazione e la nascita di nuove start up. Sono bandi destinati alla partecipazione di giovani imprenditori e di disoccupati che vogliono creare un autoimpiego.

Tutti i finanziamenti messi a disposizione dall’Unione Europea costituiscono un aiuto ed un vantaggio economico non indifferente. Però c’è anche da dire che, allo stato attuale delle cose, sono poche le imprese che accedono a queste agevolazioni. Questo a causa di una lunga burocrazia che rende necessaria la presenza di un professionista del settore.

Le aziende pensano di poter compilare tutti i documenti richiesti dai bandi senza l’ausilio di un esperto. Purtroppo la realtà dei fatti è diversa e ciò comporta che solo il 38% delle domande inoltrate per i finanziamenti viene realmente accolta.

 

RELATED ARTICLES

Most Popular

Recent Comments