martedì, Maggio 24, 2022
HomeEconomiaBonus mobili 2022 senza ristrutturazione è possibile? Tutte le risposte

Bonus mobili 2022 senza ristrutturazione è possibile? Tutte le risposte

Bonus mobili 2022, si può avere anche senza la ristrutturazione? Se stai pensando di dare un’aria nuova e più moderna alla tua casa, potresti farlo attraverso il cambio di alcuni dei mobili prinicpali. Questo non vuol dire soltanto cambiare un vecchio divano o un tavolo che non ti piace più. Infatti, per rendere casa tua un posto accogliente e alla moda, ci sono diversi aspetti che devi prendere in considerazione, a partire dalla scelta dei componenti di arredamento che vuoi rinnovare. Però come puoi farlo, se vuoi approfittare della detrazione mobili? Scopriamolo insieme in questo articolo.

Bonus mobili 2022, la detrazione fiscale mobili

La tendenza che va per la maggiore, da qualche anno, è quella collegata al bonus arredi. Si tratta di una detrazione acquisto mobili, che permette di risparmiare anche somme considerevoli di denaro. Non è un caso, dunque, che ci siano stati già diversi tipi di detrazioni mobili, come il bonus mobili 2021 o il bonus mobili 2020. In realtà, a dirla tutta, si è parlato anche del bonus mobili 2019 e del bonus elettrodomestici. Ciò nonostante, occorre fare chiarezza rispetto alle normative che regolano le detrazioni acquisto mobili.

Tra le domande più frequenti ci sono quelle che riguardano il bonus mobili senza ristrutturazione. Infatti, ci si chiede se è possibile usufruire del bonus fiscale mobili in ogni caso o se, piuttosto, il bonus acquisto mobili sia disponibile solo in caso di ristrutturazione. Inoltre, ci sono differenze tra le detrazioni elettrodomestici e quello che è per l’agenzia delle entrate bonus mobili? La risposta ufficiale alla prima domanda è un chiaro e netto no. Invece, per quanto riguarda la seconda questione, c’è da tenere presente che la detrazione fiscale elettrodomestici è inclusa tra le detrazioni fiscali mobili.

Bonus mobili 2022: solo se c’è la ristrutturazione, elettrodomestici inclusi

Per iniziare, c’è da dire che le detrazioni messe a disposizione per il 2022 non sono differenti dal bonus mobili 2021. Questo significa anche che rimane attiva la clausula fondamentale, legata alla ristrutturazione. Infatti si può coprire l’acquisto elettrodomestici e arredamento con il bonus solo nel caso in cui si voglia arredare un immobile ristrutturato. Quindi per l’acquisto mobili detrazione e bonus non valgono se non si interviene anche sulla struttura di una stanza o della casa intera. D’altra parte, c’è da tenere conto anche dell’esistenza di ecobonus elettrodomestici, che servono a ridurre l’impatto energetico.

La quota che viene coperta per l’acquisto mobili detrazioni ammonta al 50% della spesa. Questo vale anche per la detrazione elettrodomestici, che però possono essere coperti anche da eventuali bonus sulla rottamazione elettrodomestici. Per fare chiarezza, non ci si deve aspettare un bonifico bonus mobili. Infatti, una volta inoltrata la richiesta per il rimborso tramite detrazioni fiscali elettrodomestici e arredamento, si hanno degli sgravi fiscali alla fine dell’anno.

Tra gli interventi che possono figurare come restauro rientrano anche quelli conservativi, così come quelli di natura eccezionale. Questo comprende anche eventuali ristrutturazioni a seguito di incendio o calamità naturale. Inoltre, è considerato di questo tipo anche la sostituzione della caldaia con una stufa a pellet, o altri elettrodomestici che sfruttano le risorse rinnovabili.

RELATED ARTICLES

Most Popular

Recent Comments