super inpsDal Super Inps al super debito il passo è breve: l’accorpamento di Inpdap ed Enpals nell’Inps era quantificata in non meno di 20 milioni di euro gia nel corso di quest’anno, per poi salire fino a 50 milioni nel 2013 e addirittura 100 milioni nel 2014. In realtà c’è un problema grosso come una casa che sembra essere sfuggito e per lo meno sottovalutato nell’istanza di accorpamento: l’Inpdap scarica sul bilancio del super Inps 16 miliardi di euro di passivo; 10,2 miliardi sono il disavanzo patrimoniale per l’anno 2011 mentre sono 5,8 miliardi le passività previste per il 2012
Il presidente dell’Inps, Antonio Mastrapasqua, cerca di spegenre le voci a Radio Anch’Io: “Non solo affermo e confermo che non c’e’ alcun allarme ma sottolineo che non si scherza con le pensioni e con i pensionati. Lo dico con chiarezza e fermezza: capisco tutti i dibattiti ma non immagino come si possano fare speculazioni sulla pelle dei pensionati: mi sembra una cosa scorretta”. Anche il Ministro del Lavoro Elsa Fornero getta acqua sul fuoco: il disavanzo era conosciuto ed il risparmio si otterrà tagliando i costi amministrativi. Ma la scure pare abbattersi anche contro tutti quei privilegi di servizio riconosciuti ai lavoratori statali in pensione: dai prestiti e mutui agevolati alle vacanze finanziate, alle borse di studio per i figli.


Nessun Commento per “Super Inps e super debito: nessun allarme per Mastropasqua e Fornero”

Ancora nessun commento a questo post.

Lascia un commento