prestito senza busta pagaOttenere un prestito senza busta paga non è impossibile ma la difficoltà maggiore deriva senza dubbio dalla mancanza assoluta di redditi ufficiali, laddove naturalmente è impossibile fare risultare gli eventuali redditi non dichiarabili al fisco. Se però si ha la possibilità di una garanzia aggiuntiva, si apre uno spiraglio: ci riferiamo ad un terzo soggetto, detto garante, che viene inserito nella fase contrattuale non solo in mancanza di busta paga ma anche in casi in cui il richiedente abbia un reddito dimostrabile molto ridotto.
Esistono almeno altre due soluzioni chi non ha redditi può ottenere dei prestiti senza busta paga o certificazione simile. Alcuni istituti di credito erogano un finanziamento senza busta paga sotto ipoteca su un immobile di proprietà. Altri ancora accettano come garanzia il canone di affitto che si percepisce per un immobile di proprietà, purché sia continuativo: in entrambe queste situazioni la concessione si limita al piccolo prestito e quindi non si parla di somme ingenti, data la rischiosità dell’operazione per la società di credito.
L’ultima possibilità per chi non ha busta paga è chiedere il prestito alla banca della quale si è clienti: in tali caso l’istituto bancario potrebbe fidarsi dei versamenti, indipendentemente dal fatto che siano più o meno dichiarati. Con l’andamento attuale del mercato, però, avere un prestito bancario è difficile anche in condizioni normali.


Nessun Commento per “Prestiti senza busta paga: difficile ma non impossibile”

Ancora nessun commento a questo post.

Lascia un commento