prestiti bancariPrestiti bancari sempre più difficili da ottenere da parte delle famiglie.  A novembre 2012, si è registrata una contrazione dello 0,8% su base annua verso famiglie e imprese nell’Eurozona.
Il calo dura ormai da sette mesi: una situazione difficile, dunque, che rischia di diventare endemica. Come se tutto ciò non bastasse, a partire da questo mese, i tassi di interesse su operazioni di mutuo e di prestito subiranno un incremento. Così le famiglie restano senza liquidi ed i consumi si fermano: un processo banale, sotto gli occhi di tutti ma che pare inarrestabile a queste condizioni, in particolare in Italia dove la tassazione è elevata e le imposte aumentano di mese in mese.

Arduo se non impossibile ottenere prestiti dagli istituti bancari, sempre più diffidenti e bisognosi di garanzie. Se non si è oggetto di protesti, è possibile richiedere finanziamenti a società note come Agos o ricorrere al social lending, che resta comunque una risorsa che in Italia fatica a decollare rispetto ai paesi del Nord Europa.


Nessun Commento per “Prestiti bancari ancora in calo: le banche non concedono liquidi”

Ancora nessun commento a questo post.

Lascia un commento