mutuo aostaRistrutturare casa in Valle d’Aosta? Perché no. Ma se un tempo era facile, oggi i finanziamenti regionali non sono così scontati: una nuova proposta di legge va a modificare quella risalente al 1979, introducendo tre nuovi criteri necessari per l’affidamento del mutuo regionale. Il primo requisito è essere cittadini italiani e dell’Unione Europea. Il secondo punto da soddisfare è avere da almeno otto anni residenza in Valle d’Aosta. Il terzo elemento fondamentale è essere proprietari dell’immobile da quindici anni. Una legge che intende premiare i residenti di lungo corso, quelli che popolano il territorio e lo fanno crescere, rispetto a coloro che a volte tentano di approfittare del mutuo regionale per speculazioni edilizie: per questi approcci la porta è definitivamente chiusa in maniera preliminare. Snellite anche le procedure di assegnazione, eliminando alcuni balzelli burocratici che rallentavano il processo.


Nessun Commento per “Mutuo regionale Valle d’Aosta: nuovi criteri per la ristrutturazione”

Ancora nessun commento a questo post.

Lascia un commento