mercati azionariParagonandole al meteo, le condizioni della scorsa settimana sui mercati azionari globali è stata variabile.
Stando ai dati di Lemanik in America l’indice S&P500 ha perso lo 0.2% ed il settore bancario l’1.2%, mentre il Nasdaq ha guadagnato lo 0.7%, spinto dalla corsa di Apple che si è spinta verso i 500 dollari ad azione.
In Europa i mercati hanno subito perdite modeste: l’indice EuroStoxx ha perso l’1.4%%; il CAC 1.6%; il DAX 1.1%; l’indice SPMIB 0.5%; ilsettore bancario ha perso lo 0.5%. Fanalino di coda mercati emergenti con una perdita del 2.2%.
Stabili i mercati del reddito fisso, con leggero miglioramento dei tassi in Italia (5.67% a 10 anni) e dello spread contro il Bund tedesco (366 bps). Stabile anche il prezzo dell’oro a 1722 dollari l’oncia mentre continua la divergenza dei prezzi tra petrolio europeo ed americano.


Nessun Commento per “Mercati azionari: condizioni variabili”

Ancora nessun commento a questo post.

Lascia un commento