mercati azionari commoditiesSecondo l’analisi di Lemanik, la settimana scorsa √® stata positiva per i mercati azionari. Va rilevata d’altro canto la forza del Bund tedesco, il rafforzamento del dollaro americano e l’indebolimento delle commodities.
In America l’indice S&P500 ha guadagnato lo 0.2%; il Nasdaq100 ha perso lo 0.4% (in controtendenza rispetto agli altri indici); il settore bancario ha guadagnato l’1.3%. In Europa l’EuroStoxx50 ha guadagnato il 2%; il CAC +1.7%; il DAX +1.8%; il FTSEMIB +1.2%; il settore bancario +1.9%. In rialzo i mercati emergenti (+1%).
Lo spread tra BTP e Bund si stabilisce a 351 punti base con un allargamento di 13 centesimi; continua la corsa del Bund tedesco (tassi a 10 anni a 1.45%) mentre il BTP italiano ha perso lo 0.3% (tasso a 10 anni a 4.94%). Continua il rafforzamento del dollaro americano (+0.7%); le commodities hanno invece ceduto lo 0.4%.


Nessun Commento per “Mercati azionari: commodities indebolite”

Ancora nessun commento a questo post.

Lascia un commento