manovra economicaLa manovra economica del governo Monti è realtà, anche se per alcuni assomiglia ad un incubo. Ecco in sintesi i punti principali.
L’imposta più dibattuta, l’Irpef, alla fine non è stata toccata, tranne per quanto riguarda la percentuale sull’addizionale regionale, che passa all’1,23%: un aumento che servirà a coprire le spese sanitarie, oggetto di taglio.
Torna invece l’Ici sulla prima casa, una delle battaglie perse dal Pdl nel corso dei suoi anni di governo.  L’imposta sarà dello 0,4% per la prima casa e 0,75% per la seconda abitazione, con l’aumento del valore catastale degli immobili del 60% ai fini del calcolo Ici.
Prorogato a settembre 2012 l’aumento dell’IVA al 23%. Per lo scudo fiscale, si prevede un’imposta dell’1,5% sui capitali rientranti. Per contrastare l’evasione fiscale viene introdotto l’obbligo di tracciabilità dei pagamenti sopra i mille euro. Gli enti locali e le province subiranno un taglio di  5 miliardi. E’ previsto un super bollo sulle auto superiori a 170 chilowatt, sulle barche più lunghe di 10 metri e su elicotteri e aerei privati. Dimagrimento anche per i politici, che non potranno percepire doppi stipendi per incarichi multipli.
Snodo pensioni: come annunciato da un piangente Ministro Fornero, entra in pieno vigore dal primo gennaio il modello contributivo.  Dal 2012 l’età minima di pensionamento  sarà di 62 anni per le donne e di 66 per gli uomini. Dal 2018 anche le donne dovranno lavorare fino a 66 anni. Le pensioni di anzianità saranno possibili con 42 anni e 1 mese di contributi per gli uomini e 41 anni e 1 mese per le donne. Sarà comunque incentivato il lavoro fino a 70 anni. Ai sindacati questa riforma delle pensioni non piace per niente.
Nella manovra economica è presente anche uno sgravio per le imprese che assumono: è prevista la deducibilità integrale dell’Irap-lavoro in caso di nuove assunzioni.  Una goccia nel mare.
Tecnicamente nulla da eccepire: gli interventi della manovra finanziaria Monti valgono 30 miliardi tra tagli alle spese e nuove tasse. Sembra fatta con la calcolatrice, per risparmiare le batterie sarà almeno ad energia solare.


4 Commenti per “Manovra economica Monti: i punti principali”

  1. alessio scrive:

    non serviva scomodare monti per una manovra del genere. bastava un qualsiasi citrullo. quello che + mi piace è che ai politici-deputati,senatori,presidenti di regione,europarlamentari ecc ecc ecc ecc,pensionati del parlamento, finanziamento pubblico dei partiti (nonostante 2 referendum abrogativi)- è stato tolto ogni privilegio e prebenda. E quanto ci costerà questo governo? Basteranno 3/4 milioni di euro?

  2. marcella scrive:

    come sempre il conto del pasticcere è stato diviso fra tutti, anche se la torta l’hanno mangiata in pochi, così ci fanno i soliti furbetti, credevo che “Il Governo del Presidente” fosse stato chiamato a fare il c.d. “lavoro sporco” che nessun governo ha mai fatto, non una semplice “porcata.

  3. salvatore scrive:

    e l’aumento del valore catastale degli immobili del 60% ai fini del calcolo ICI dove l’hai lasciato???

  4. Stefano P. scrive:

    Grazie Salvatore, in effetti non l’avevamo evidenziato. Ora c’è.

Lascia un commento