sicilia tunisiaInteressante riflessione di Gaetano Armao circa gli sbarchi dalla Tunisia, tema sempre più caldo ogni giorno che si prolungano gli scontri in Nord Africa, con conseguenti sbarchi di profughi sulle coste siciliane. L’assessore all’Economia della Regione Sicilia, a Palermo nel corso della quinta riunione del Comitato di Sorveglianza Congiunto sul programma di Cooperazione transfrontaliera Italia-Tunisia 2007-2013, ha indicato l’esigenza di una intensificazione delle relazioni commerciali volta al miglioramento delle condizioni economiche dei tunisini. L’obiettivo del Programma di Cooperazione è proprio l’incentivazione dell’integrazione economica, istituzionale e culturale fra la Tunisia e la vicina Sicilia tramite un processo di sviluppo sostenibile congiunto. Come prospettiva concreta,già a maggio, sarà indetto un bando per un importo di circa un milione di euro. Alcuni progetti di partnership sono già in corso: forse non sarà l’assoluto rimedio agli sbarchi in Sicilia, ma certo non è una cattiva idea, né dal punto di vista umanitario né da quello economico.


Nessun Commento per “Investimenti in Tunisia per rallentare gli sbarchi in Sicilia”

Ancora nessun commento a questo post.

Lascia un commento