inflazione altaCome ci si aspettava, l’aumento dell’Iva dal 20 al 21% ha portato con sé l’innalzamento dell’inflazione: secondo il dato Istat, non ancora definitivo, il boom dei prezzi al consumo è dello 0,6% rispetto a settembre: un dato preoccupante che non si registrava da circa 16 anni. Non si aveva traccia di un tendenziale del 3,8% per questo periodo da tre anni a questa parte.
Non solo c’è solo il problema dell’inflazione più alta: il Codacons lancia l’allarme per il divario crescente tra prezzi e sstipendi. Mentre le retribuzioni si alzano dell’1,7%, l’inflazione si avvicina al 3%: tale forbice non si registrava dal 1997.
Il valore del denaro cala, le merci rincarano, gli stipendi restano bloccati, l’iva aumenta: i cavalieri dell’Apocalisse facevano meno spavento. Se poi si aggiunge la disoccupazione all’8,3%, il cerchio si completa. Insomma, oggi è Halloween ma le streghe sono in giro già da un po’.


Nessun Commento per “Inflazione più alta e ampio divario tra prezzi e stipendi”

Ancora nessun commento a questo post.

Lascia un commento