grecia bancarottaLa verità è che stiamo assistendo al tramonto degli dei: la Grecia non ce la fa più. Per sbloccare gli aiuti internazionali, di circa 8 miliardi di euro, la Bce chiede nuove garanzie. Pare che il ministro dell’Economia Evangelos Venizelos abbia in mente altri tagli agli stipendi e licenziamenti nel settore pubblico.
Si tratta di vedere cosa decideranno Bce, Unione Europea e Fondo Monetario Internazionale a fronte dei nuovi interventi.
Secondo la Grecia, il periodo di recessione non starebbe aiutando la titanica impresa ma i segnali che provengono dai vertici europei ed internazionali non sono affatto buoni: il capo missione dell’FMI, Paul Thomsen, ha manifestato un certo disimpegno, i ministri delle Finanze europei si limitano a dichiarare che la Grecia deve fare l’impossibile per tenere fede alle promesse ed evitare la bancarotta. Intanto le opposizioni greche chiedono elezioni anticipate: una situazione grottesca che ben esprime lo stato delle cose. Quella che fu la culla della civiltà europea sta decretando la probabile fine dell’Unione Europea: sic transit gloria.


Nessun Commento per “Grecia al tramonto: nuovi tagli a stipendi e dipendenti pubblici”

Ancora nessun commento a questo post.

Lascia un commento