borsa giapponeIn questi giorni si parla molto della fusione delle borse di Tokyo ed Osaka, che dovrebbe tornare a dare competitività al Giappone, attualmente messo in crisi dall’instabilità di colossi come Honda e Toyota e dallo tsunami che ha appena colpito la capitale.
Il presidente del Tokyo Stock Exchange, Atsushi Saito, ha dichiarato che incontrerà a breve termine il presidente dell’Osaka Stock Exchange, Michio Yoneda, per iniziare i negoziati.
L’unione di TSE ed OSE porterebbe alla nascita del secondo mercato azionario mondiale in termini di capitalizzazione, subito dietro al listino Nyse-Euronext ma alcuni analisti non vedono di buon occhio la fusione fusione a causa della bassa liquidità dei titoli di Osaka, che potrebbe andare a minare la maggior liquidità dei titoli della Borsa di Tokyo. Per contro, i più ottimisti analisti evidenziano la positività della fusione che porterà facilitazioni per gli investitori nazionali ed esteri.

Allo stato attuale la borsa giapponese è in sofferenza: le recenti vicende della Libia portano ad un aumento del petrolio, con conseguente aumento dei costi energetici che fanno temere un rallentamento della ripresa economica in un paese il cui pil nell’ultimo trimestre del 2010 è diminuito dell’1,3%.


Nessun Commento per “Giappone: Borsa verso fusione Tokyo e Osaka”

Ancora nessun commento a questo post.

Lascia un commento