equitalia bombeAttentati a raffica, proteste davanti alle sedi, minacce: Equitalia è nel mirino. Ieri le manifestazioni a Napoli, oggi le molotov a Livorno. Senza contare i suicidi che la stampa associa ad Equitalia che però declina la responsabilità con una nota che attribuisce le colpe alla crisi in generale: “È inaccettabile continuare a scaricare irresponsabilmente su Equitalia la colpa di gesti estremi e situazioni drammatiche, che hanno invece origini diverse e lontane e che stanno esplodendo solo oggi a causa della crisi economica”.
Peccato che Equitalia non sia altro che un ibrido partorito dai due massimi enti burocratici italiani: Agenzia delle Entrate ed Inps. Che piaccia o no, la gente ha diritto di giudicare: che il ministro dell’Interno Anna Maria Cancellieri sottolinei il pericolo di escalation terroristica è un bene. Che il ministro della Giustizia Severino affermi che Equitalia non è tra le cause dirette dei problemi e che sia giusto pagare le tasse è quasi banale. Ma il fatto che si tratti di un’istituzione percepita come ingiusta è sotto gli occhi di tutti.
Ora, approcciare il problema Equitalia come fosse solo una questione di immagine e trasparenza sarebbe la peggiore delle soluzioni. La gente è stufa di parole, vuole fatti e soluzioni concrete prima che spiegazioni. Perché le cartelle pazze devono essere pagate e poi contestate? Perché per un minimo errore fiscale si chiedono riparazioni sproporzionate? E perché chi ha credito arretrati con lo Stato deve comunque pagare per non finire stritolato dallo Stato stesso? Davanti a queste domande non servono bla bla e sofismi: è un momento in cui servono azioni e riforme alla velocità della luce. Perché qui purtroppo non stanno volando soltanto le parole, che pure fanno male, ma stanno decollando inique le bombe.


Un Commento per “Equitalia: dalle parole alle bombe, servono soluzioni concrete”

  1. Aiutateci scrive:

    lle 21:25

    Il problema dei cittadini che si suicidano e si ribellano per le tasse di EQUITALIA non è il fatto di non volere pagare tasse giuste che si pagano. Ma EQUITALIA è diventata come la mafia delle tangenti per cui quando arrivano le cartelle ti fanno impazzire e non ti danno nessun modo per uscire da questa situazione per anni ed anni. E’ un sistema come quando si fanno i prestiti alla fine ti fanno pagare 10, 100 volte in più per spese e spese amministrative, giudiziarie ecc…. ecc….. E’ chiaro che gli italiani esplodono nella rabbia più totale soprattutto adesso con la grave crisi economica. Stanno mandando cartelle esattoriali a tutti ma non tasse da pagare ma tasse con interessi da usurai. E’ qualcuno ancora non capisce perchè tutto sta precipitando nel paese. Se peresempio una persona è nello stato di famiglia di un genitore inizia ad arrivare la tassa dei rifiuti prima al padre poi alla mamma, poi al figlio, ecc…ecc…..agiscono senza nessun criterio e non ti fanno in nessun modo giustificare nemmeno se hai una grave invalidità al 100% ti dicono faccia ricorso e le risponderemo…………………e cosi è un continuo appello ed un continuo ricevere tasse sempre più alte anche a chi non spetta pagarle ed allora suicidi, disperazione, violenza…………ecc…..ecc…. è un continuo abuso. Pagare le tasse si è giusto ma è giusto farle pagare a chi davvero deve pagarle e nella misura giusta……………NON TANGENTI – NO USURAI CHE MANDANO CARTELLE ESATTORIALI A CHIUNQUE ECCO COSA E’ OGGI EQUITALIA. Il governo deve trovare la giusta misura nel far pagare le tasse ma ha dato a degli USURAI quale EQUITALIA la vita degli italiani anche onesti e che sopravvivono per arrivare alla terza settimana. E’ ORA DI FINIRLA CON QUESTO SISTEMA.

Lascia un commento