banca phishingIn ambito informatico il phishing è una attività illegale che sfrutta una tecnica di frode per ottenere l’accesso a informazioni personali o riservate con la finalità del furto d’identità soprattutto tramite messaggi di posta elettronica fasulli.
Nello spam arrivano spesso un gran numero di messaggi che tentano di sottrarre i dati della carta di credito o dell’home banking. A proposito di servizi bancari on line, l’Arbitro Bancario e Finanziario ha decretato che un correntista che per sbaglio ha ceduto i propri dati di accesso al conto on line, dovrà essere risarcito dalla banca. La colpa dell’istituto bancario sarebbe quella di avere una concorrente responsabilità, non avendo predisposto adeguati sistemi di protezione a favore dei propri clienti.
Non entriamo nel merito della vicenda se non dicendo che l’attenzione alle operazioni di phishing non è mai troppa: gli spammer si fanno sempre più abili e i messaggi di posta sempre più subdoli. Certo, le banche dovrebbero fare attenzione, ma anche gli utenti dovrebbero essere più solerti nel recepire l’inganno.


Nessun Commento per “Banca condannata a risarcire correntista vittima del phishing”

Ancora nessun commento a questo post.

Lascia un commento