alluvione venetoIl presidente della regione Veneto, la protezione civile e la Coldiretti stanno invocando all’unisono la sospensione dei mutui a causa dei danni provocati delle alluvioni. Uno dei primi istituti bancari a prendersi carico del problema è stata la Cassa di Risparmio del Veneto, banca del gruppo Intesa Sanpaolo, che ha concesso ai propri clienti una sospensione del pagamento fino a sei mesi. In una nota si legge che la decisione è arrivata  “in segno di vicinanza ed impegno nell’aiutare la popolazione colpita dall’eccezionale ondata di maltempo che ha interessato in particolare il territorio vicentino”. L’aiuto è rivolto non solo a chi abita nei pressi di Vicenza ma anche a chi lavora nella zona colpita dalle alluvioni. E’ in via di valutazione anche un’iniziativa simile per le imprese che hanno finanziamenti in corso.

L’alluvione sta mettendo in ginocchio la produttività del Veneto: oltre cinquemila gli sfollati nella zona di Padova, 150mila gli animali annegati, tanto che il presidente della regione Luca Zaia parla di danni vicini al miliardo di euro.  Particolarmente allarmanti anche le parole di Walter Lucchetta, direttore della Coldiretti di Padova: “Non solo, è necessario intervenire tempestivamente anche sul fronte del credito con una apposita moratoria che sospenda per un anno le rate dei mutui in essere e dei prestiti di conduzione. A questo si dovranno aggiungere tutte le misure necessarie per permettere alle aziende l’accesso al credito agevolato per gli indispensabili ed onerosi interventi di ristrutturazione e di ripristino dell’attività”. Per fortuna si stanno moltiplicando le iniziative di solidarietà anche dal basso, tutto questo mentre il Po torna a farsi minaccioso.


Nessun Commento per “Alluvione in Veneto: sospensione del mutuo”

Ancora nessun commento a questo post.

Lascia un commento